Glossario



Concerto in re maggiore per quattro violini, archi e basso continuo, op. 3 n. 1, RV 549

Musica: Antonio Vivaldi
  1. Allegro (re maggiore)
  2. Largo e spiccato (si minore)
  3. Allegro (re maggiore)
Organico: 4 violini, archi, basso continuo (violoncello solista nel primo movimento)
Composizione: 1711
Edizione: Estienne Roger, Amsterdam, 1712

Guida all'ascolto (nota 1)

Il tema dell'Allegro iniziale presenta la caratteristica di una quartina con nota ribattuta molto sfruttata dal Vivaldi e rintracciabile anche nei Concerti n. 1 e 2 de «La Stravaganza» (op. 4). In questo primo tempo va particolarmente notata la contrapposizione tra i quattro strumenti solisti e l'orchestra, resa con molta efficacia. Anche il Largo presenta una caratteristica cara al compositore: quella del salto di ottava, a mezzo del quale il Vivaldi raggiunge una drammaticità viva che se fa prevedere la più severa strumentalità bachiana, non manca di far pensare anche a certi singolari aspetti di cui si valsero gli operisti veneziani del tempo. Il rapporto tra solisti e strumenti è sempre assai stretto, ma via via l'accompagnamento quasi si annulla per far apparire, estremamente chiaro, il canto dei violini. L'Allegro in tre quarti non ha altro scopo che quello di annunciare l'ultimo tempo in Allegro, nel quale, oltre a qualche effetto di «eco», brillano i violini solisti su di una nota costante del basso.

Mario Rinaldi


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Sala Accademica, 12 gennaio 1965

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 15 novembre 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.