Glossario



Sonata in do minore per violino, violoncello e basso continuo, RV 83

Musica: Antonio Vivaldi
  1. Allegro (do minore)
  2. Largo (do minore)
  3. Allegro (do minore)
Organico: violino, violoncello, basso continuo
Composizione: 1720 - 1724
Edizione: Schott, Magonza, 1969

Guida all'ascolto (nota 1)

Il manoscritto della Sonata di Vivaldi in programma, manoscritto che la parte della raccolta "Mauro Foà*' custodita presso la Biblioteca Nazionale di Torino, porta il titolo Suonata à violìno e Violoncello. Nei confronti della sterminata produzione idei concerti per strumento solista, sono poche particolarmente le Sonale del gruppo che ci interessa, ossia delie Sonate per complessi vari nel quale la Sonata in do minore occupa nell'ordinamento dell'Istituto italiano Antonio Vivaldi il primo numero (F. XVI n. 1).

La Sonala è breve (non arriva ai 10 minuti) e di grande semplicità di concezione, fondata com'è sui tipici moduli ritmico-melodici Vivaldiani, qui assai concisi e scarsi, diremmo, di conseguenze. Essi vengono, soprattutto nei due archi, palleggiati in imitazioni o annodati in doppia voce a terze o seste. Nondimeno le festose sonorità dei due Allegro e, al contrario, il patetico sostanzioso cantare del Largo, sono elementi bastanti a riconoscere in questo lavoro l'impronta inconfondibile del grande maestro veneziano.

Giorgio Graziosi


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 28 febbraio 1964

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 12 febbraio 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.