Glossario



Adelaide, op. 46

Lied in si bemolle maggiore per voce e pianoforte
 
Musica: Ludwig van Beethoven
Testo: Friedrich von Matthisson
Organico: voce, pianoforte
Composizione: 1795 - 1796
Prima esecuzione: Vienna, 7 aprile 1797
Edizione: Artaria, Vienna 1797
Dedica: Friedrich von Matthisson

Guida all'ascolto (nota 1)

Adelaide (che fu sempre carissima al suo autore, il quale, inchiodato al proprio letto di morte, la udì o meglio la vide cantare per l'ultima volta dall'amico tenore Luigi Cramolini) appartiene al novero dei capolavori giovanili che non si ripetono: la sua primaverile fragranza lirica, non immemore di echi italianeggianti mediati dall'esperienza mozartiana (anche la forma, del resto, è assai affine a quella della Cavatina d'opera), la sinuosa sensualità con la quale la parte pianistica si immedesima col canto in un intimo dialogo, la sciolta leggerezza del fraseggiare melodico sono altrettanti valori che può invidiarle persino il celebrato Liederkreis «An die jerne Geliebte» op. 98 (1816); il più consapevole e ambizioso contributo beethoveniano alla letteratura liederistica.

Giovanni Carli Ballola

Testo

ADELAIDE
ADELAIDE
Einsam wandelt dein Freund im Frühlingsgarten,
Mild vom lieblichen Zauberlicht umflossen,
Das durch wankende Blütenzweige zittert,
Adelaide!

In der spiegelnden Flut, im Schnee der Alpen,
In des sinkenden Tages Goldgewölke,
Im Gefilde der Sterne strahlt dein Bildnis,
Adelaide!

Abendlüftchen im zarten Laube flüstern,
Silberglöckchen des Mais im Grase säuseln,
Wellen rauschen und Nachtigallen flöten:
Adelaide!

Einst, o Wunder! entblüht auf meinem Grabe
Eine Blume der Asche meines Herzens;
Deutlich schimmert auf jedem Purpurblättchen:
Adelaide!
Solingo va errando  il tuo amico nel giardino della primavera,
inondato da una gradevole luce fantastica
che tremola fra gli ondeggianti rami fioriti,
Adelaide!

Nel flutto che rispecchia,
nelle nubi dorate dal giorno che cade,
nei campi di stelle risplende la tua immagine,
Adelaide!

La brezza vespertina mormora nelle tenere foglie,
le argentee campanule del mais sussurrano fra l'erba,
le onde rumoreggiano e gli usignoli gorgheggiano:
Adelaide!

Un giorno, o meraviglia! sulla mia tomba
sboccerà un fiore, dalla cenere del mio cuore
e brillerà vivido da ogni petalo purpureo:
Adelaide!
(Traduzione di Luigi Bellingardi)


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia;
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 4 dicembre 1970

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 28 dicembre 2013
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.