Glossario



Canti italiani a cappella, WoO 99

per voci sole

Musica:
Ludwig van Beethoven
Testo: Pietro Metastasio
  1. Fra tutte le pene - duetto per tenore e basso in fa maggiore (1796/97)
  2. Fra tutte le pene - trio per soprano, contralto e tenore in mi bemolle maggiore (1796/97)
  3. Fra tutte le pene - quartetto per soprano, contralto, tenore e basso in si bemolle maggiore (1796/97)
  4. Bei labbri che amore - duetto per soprano e tenore in mi bemolle maggiore (1793/94)
  5. Ma tu tremi o mio tesoro - trio per soprano, contralto e tenore in sol maggiore (1792/94)
  6. Quella cetra ah pur tu sei - quartetto per soprano, contralto, tenore e basso in sol maggiore (1796/97)
  7. Chi mai di questo core - trio per soprano, tenore e basso in do maggiore (1799)
  8. Scrivo in te - duetto per soprano e tenore in re maggiore (1795/96)
  9. Per te d'amico aprile - trio per soprano, contralto e basso in mi bemolle maggiore (1792/96)
  10. Nei campi e nelle selve - quartetto per soprano, contralto, tenore e basso in do maggiore (1792/96)
  11. Quella cetra ah pur tu sei - trio per soprano, tenore e basso in la maggiore (1796)
  12. Quella cetra ah pur tu sei - quartetto per soprano contralto, tenore e basso in fa maggiore (1796)
  13. Nei campi e nelle selve - quartetto per soprano, contralto, tenore e basso in do maggiore (1792/96)
  14. Giura il nocchier - quartetto per soprano, contralto, tenore e basso in si bemolle maggiore (1801)
  15. Già la notte s'avvicina - quartetto per soprano, contralto, tenore e basso in si bemolle maggiore (1801/02)
  16. Già la notte s'avvicina - trio per contralto, tenore e basso in do maggiore (1801/02)
  17. Fra tutte le pene - quartetto per soprano, contralto, tenore e basso in si bemolle maggiore (?)
  18. Fra tutte le pene - trio per soprano, contralto e tenore in mi bemolle maggiore (1796/97)
  19. Silvio, amante disperato - quartetto in la minore (1792/1802) - perduto
  20. Giura il nocchier - trio per soprano, contralto e basso in do maggiore (1792/94)
  21. Salvo tu vuoi lo sposo?  - duetto per soprano e tenore in do maggiore (1796/97)
  22. Languisco e moro per te, mio ben, ch'adoro - duetto per soprano e tenore (1802/3) - abbozzo
  23. Giura il nocchier - quartetto per soprano, contralto, tenore e basso in do maggiore (1792/94)
  24. Sei mio ben - duetto per soprano e tenore in sol maggiore (?)
  25. E pur fra le tempeste - aria per tenore in mi bemolle maggiore (1792/94)
Organico: vedi dettagli
Composizione: 1792 - 1902

Guida all'ascolto (nota 1)

Questi 24 canti a 2, 3, 4 voci senza accompagnamento su testi di Metastasio sono stati pubblicati insieme per la prima volta nel 1959 in un supplemento all'Opera omnia di Beethoven curato da Willy Hess. I pezzi si trovavano nell'autografo Artaria 166 della Biblioteca di Stato di Berlino, purtroppo scomparso, ma di cui si avevano fotocopie nel Beethovenhaus di Bonn mentre altri autografi giacciono presso la Gesellschaft der Musikfreunde di Vienna. Il revisore si è valso per i testi della collaborazione di Giovanni Biamonti. I testi del Metastasio sono di Cantate, salvo due tratti dall'opera Zenobia.

I canti furono composti tra il 1792 e il 1801. Non sono esenti dall'influenza di Salieri, di cui Beethoven era allievo e del quale, come attestano i segni in lapis del maestro italiano ravvisabili negli autografi, accettò più d'una correzione riguardante l'andamento delle voci.

Sebbene Beethoven lo prescriva in un solo caso, è da presumere che i 24 pezzi furono pensati per coro. «La scrittura» osserva il Bonaccorsi, «è puramente armonistica: vi si scorge la quadratura del vecchio Lied strofico, si sentono anche echi popolari e talora di Mozart, tal'altra del corale». Vi spira dentro un fare semplice, un'aria fresca, una grazia di atteggiamenti non del tutto prevedibili nell'autore dell'Eroica. Ciò particolarmente in Bei labbri che Amore, in Ma tu tremi o in Già la notte s'avvicina (che, come altri testi, Beethoven, o insoddisfatto della prima stesura o animato da molteplice ispirazione, ha musicato più di una volta). Nella scelta degli otto canti preparata per il programma odierno non mancano nemmeno esempi, come Nei campi e nelle selve, di un arco corale più elaborato e diramato e di un pensiero lirico più intenso.

Giorgio Graziosi

Testo

Fra tutte le pene

Fra tutte le pene
V'è pena maggiore?
Son presso al mio bene,
Sospiro d'amore,
E dirgli non oso:
«Sospiro per te».
Mi manca il valore
Per tanto soffrire;
Mi manca l'ardire
Per chieder mercè.

Bei labbri che Amore

Bei labbri che Amore
Formò per suo nido,
Non ho più timore.
Vi credo, mi fido:
Giuraste d'amarmi;
Mi basta così
Se torno a lagnarmi,
Che Nice m'offenda,
Per me più non splenda
La luce del dì.

Ma tu tremi o mio tesoro!

Ma tu tremi, o mio tesoro!
Ma tu palpiti, cor mio!
Non temer, con te son io,
Né d'amor ti parlerò.
Mentre folgori e baleni,
Sarò teco, amata Nice;
Quando il ciel si rassereni,
Nice ingrata, io partirò.

Chi mai di questo core

Chi mai di questo core
Saprà le vie secrete,
Se voi non le sapete,
Begli occhi del mio ben?

Voi, che dal primo istante,
Quando divenni amante,
Il mio nascosto amore
Mi conosceste in sen?

Per te d'amico aprile

Per te d'amico aprile
Sempre s'adorni il ciel;
Né all'ombra tua gentile
Posi ninfa crudel,
Pastore infido.
Fra le tue verdi foglie
Augel di nere spoglie
Mai non raccolga il vol;
E Filomena sol
Vi faccia il nido.

Nei campi e nelle selve

Nei campi e nelle selve
Seguivo già le belve,
Pascevo il gregge ancor
Libero pastorel,
Libero cacciator;
Ora non son più quello:
Perdei la libertà.
E quel ch'è peggio, oh Dio!
Come se il mio tormento
Colpa non sia di lei,
Mostrare al mio lamento
Clori non vuol pietà.

Giura il nocchier che al mare

Giura il nocchier che al mare
Non presterà più fede,
Ma se tranquillo il vede
Corre di nuovo al mar.
Di non trattar più l'armi
Giura il guerrier tal volta,
Ma se una tromba ascolta
Già non si sa frenar.

Già la notte s'avvicina

Già la notte s'avvicina:
Vieni, o Nice, amato bene,
Della placida marina
Le fresch'aure a respirar.
Non sa dir che sia diletto
Chi non posa in queste arene,
Or che un lento zeffiretto
Dolcemente increspa il mar.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Eliseo, 27 aprile 1961

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 27 marzo 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.