Glossario



Sonata per pianoforte n. 25 in sol maggiore, op. 79 "Alla tedesca"

Musica: Ludwig van Beethoven
  1. Presto alla tedesca
  2. Andante espressivo (sol minore)
  3. Vivace
Organico: pianoforte
Composizione: 1809
Prima esecuzione: Vienna, Gro▀er Redoutensaal del Burgtheater, 29 dicembre 1812
Edizione: Clementi, Londra 1810

Guida all'ascolto (nota 1)

Al gusto delle "piccole cose" si volge l'op. 79, che fu denominata dall'autore "Sonatina", termine che definisce una poetica, e non pu˛ certo essere inteso in senso riduttivo. Questa Sonata si articola in tre movimenti, tutti contraddistinti da un carattere popolaresco. Il movimento iniziale, Presto alla tedesca, Ŕ interamente pervaso da un umorismo ruvido, affidato all'incalzante propulsione ritmica, ai giochi di inversione del materiale fra le mani, agli sforzati e ai contrasti dinamici; caratteri riassunti dalla brillantissima coda, con l'aggiunta di capricciose acciaccature. Il breve Andante Ŕ articolato in tre sezioni, con una malinconica cantilena appoggiata a nude ed essenziali figurazioni di accompagnamento. Il Vivace conclusivo, in forma di Rond˛, Ŕ di una concisione quasi icastica, ma con un gusto raffinato del cesello e della miniatura; il refrain, animato da un brusco contrasto dinamico, ricorda certe pagine di Haydn improntate allo stile popolare, e viene variamente trasformato, con rinnovati intenti giocosi.

Arrigo Quattrocchi


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorium Parco della Musica, 17 marzo 2006

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 6 febbraio 2013
html validator  css validator


Questo testo Ŕ stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed Ŕ utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.