Glossario



Der Wachtelschlag (Il canto della quaglia), WoO 129

Lied in fa maggiore per voce e pianoforte
 
Musica: Ludwig van Beethoven
Testo: S. Fr. Sauter
Organico: voce, pianoforte
Composizione: 1803
Edizione: Bureau des Arts et d’Industrie, Vienna 1804
Dedica: conte Von Browne

Guida all'ascolto (nota 1)

Un altro aspetto della spiritualità religiosa beethoveniana è ravvisabile in Der Wachtelschlag (1803), preziosa spia per circoscrivere nei suoi esatti limiti ideologici e poetici il misticismo naturalistico dell'autore della Sinfonia Pastorale, le cui chiarissime acque troppo spesso e disinvoltamente si è voluto confondere con quelle de profundo lacu dell'autentico panteismo romantico, da Manfred schumanniano.

Giovanni Carli Ballola

Testo

DER WACHTELSCHLAG
IL CANTO DELLA QUAGLIA
Horch, wie schallt's dorten so lieblich hervor!
Fürchte Gott! ruft mir die Wachtel ins Ohr.
Sitzend im Grünen, von Halmen umhüllt,
Mahnt sie den Horcher am Saatengefild:
Liebe Gott! Er ist so gütig und mild.
Wieder bedeutet ihr hüpfender Schlag:
Lobe Gott! der dich zu lohnen vermag.
Siehst du die herrlichen Früchte im Feld?
Nimm es zu Herzen, Bewohner der Welt!
Danke Gott! der dich ernährt und erhält
Schreckt dich im Wetter der Herr der Natur,
Bitte Gott! ruft sie, er schonet die Flur.
Machen Gefahren der Krieger dir bang,
Traue Gott! Sieh, er verziehet nicht lang.
Ascolta, come risuona dolcemente, di là;
- Temi Dio! - mi grida la quaglia nell'orecchio.
Nascosta nel verde, avvolta di fili di paglia,
ammonisce l'ascoltatore sul campo seminato:
- Ama Dio! Egli è tanto amorevole e dolce. -
E il suo squìttire significa ancora:
- Loda Dio che ti può ricompensare!
Vedi i magnifici frutti del campo?
Prendilo a cuore, abitante del mondo!
Ringrazia Dio che ti nutre e ti preserva.
Se il Signore della natura ti spaventa nella tempesta,
prega Dio! - grida la quaglia - Egli protegge i campi.
Se temi i pericoli della guerra,
confida in Dio! Egli non indugia a lungo.
(Traduzione di Luigi Bellingardi)


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia;
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 4 dicembre 1970

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 20 dicembre 2013
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.