Glossario



Papillon in la maggiore per violoncello e pianoforte, op. 77

Musica: Gabriel Fauré
Organico: violoncello, pianoforte
Composizione: 1897
Edizione: Hamelle, Parigi, 1898

Guida all'ascolto (nota 1)

Nel 1883 la pubblicazione dell'Elégie per violoncello e pianoforte riscosse un tale successo che l'editore, Tulien Hamelle, chiese a Fauré un altro pezzo per la stessa formazione. Questa volta si sarebbe dovuto trattare di un brano virtuosistico, che costituisse il perfetto pendant della lirica Elégie. Fauré accolse l'invito e terminò, nel 1884, una Pièce pour violoncelle, che l'editore avrebbe voluto licenziare con il titolo, più accattivante, di Libellules. Ma Fauré, in disaccordo, non ne consentì la pubblicazione; solo molti anni più tardi la composizione fu data alle stampe con il titolo di Papillon. Da allora questa pagina divenne, ed è tuttora, uno dei brani di Fauré più frequentemente eseguiti. Papillon è costituito da due parti nettamente distinte: una sorta di moto perpetuo del violoncello, brillante e virtuosistico, e un canto espansivo dalla grande, fascinosa eloquenza melodica.

Claudio Toscani


(1) Testo tratto dal libretto inserito nel CD allegato al n. 261 della rivista Amadeus

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 13 febbraio 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.