Glossario



Fantasia cromatica, BWV 903

Trascrizione per viola sola

Musica: Johann Sebastian Bach
Trascrizione:
Zoltán Kodály
Organico: viola
Composizione: 1950
Edizione: Boosey & Hawkes, Londra, 1950

Guida all'ascolto (nota 1)

Alla formazione di un repertorio per viola solista contribuirono in modo determinante Alessandro Rolla e Niccolň Paganini. Parimenti singolare č la rinascita dell'interesse per la viola nel nostro secolo. E' ben nota la preferenza che, nella duplice veste di esecutore e di autore, le ha accordato Paul Hindemith. Altri musicisti hanno attinto al repertorio classico per fornire ai violisti trascrizioni di pagine piů o meno note. In questo ambito del tutto singolare č la trascrizione fornita da Zoltŕn Kodaly della Fantasia Cromatica e Fuga per clavicembalo di Bach redatta in una prima versione intorno al 1720 e rielaborata dieci anni dopo. Scritta propriamente per viola alta, la trascrizione di Kodaly apparve presso Boosey e Hawkes nel 1951 in un'edizione curata da William Primrose che ne fu anche il diffusore. Sulla partitura Kodaly appose i seguente «Motto» esplicativo di Hans von Bulow: «Chi non č capace di leggere tra le righe, chi non dispone di un minimo di genialitŕ ricettiva, chi non č in grado di aggiungere qualcosa con la propria fantasia rimanga a rispettosa distanza dalla Fantasia Cromatica di Bach».

Bruno Cagli


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico. 8 maggio 1978

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietŕ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione puň essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 9 marzo 2016
html validator  css validator


Questo testo č stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed č utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietŕ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione puň essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.