Glossario
Guida all'ascolto



Chants populaires hébraïques, op. 86b


Testo delle parti vocali (nota 1)

LA SÉPARATION

Celui qui distingue le sacre du profane
nous pardonne nos péchés,
il multipliera comme la sable e les astres
notre argent e nos enfants.
Bonne semaine. Que faire?
Ça ne va pas. Des enfants il y en a,
mais de l'argent il n'y en pas
et le pain s'obtient péniblement.
Bonne semaine. Le jour tombe
le sabbat s'éloigne corne l'ombre d'un arbre.
Dans les plats plus une miette
et bientôt arrive la semaine hereuse.
Bonne semaine. Bonne semaine.
LA SEPARAZIONE

Chi distingue il sacro dal profano
perdona i nostri peccati,
moltiplicherà come la sabbia e le stelle
il nostro denaro e i nostri figli.
Buona settimana. Che si fa?
Così non va. Non ci sono figli
e nemmeno denaro per racimolare
a fatica un pezzo di pane.
Buona settimana. Il giorno muore,
il sabato svanisce come l'ombra di un albero.
Nei piatti appena una briciola
e presto una settimana migliore.
Buona settimana.
LE CHANT DU VEILLEUR

Holà! Qui va là?
Triste veilleur, pauvre sentinelle,
je traverse la nuit,
le sommeil me fuit terriblement,
suis-je donc fait de fer?
Tout le monde dort et repose en paix
et oublie les fracas du jour
moi seul je cherche en vain
du repos sur la pierre,
moi seul je cherche
du repos sur la pierre.
Holà! Qui va là?
IL CANTO DI CHI VEGLIA

Eilà! Chi va là?
Triste e povera sentinella,
passo la notte
senza prender sonno,
sono forse di ferro?
Tutti dormono in pace
lontano dai rumori del giorno,
mentre io cerco invano
riposo sulla pietra.
Eilà? Chi va là?
CHANT DE DÉLIVRANCE

Pour la grâce de mon ami
mon coeur se consume en amour craintif,
je supplie Dieu pour qu'il apaise ma doleur.
Si j'appelle il m'entendra lui mon épée,
mon boucher, ma cuirasse
tout mon être s'élance vers Lui.
Et je prierai le jour et la nuit
pour qu'il apporte la consolation
à tout son peuple.
Alors j'oublierai toutes mes doulers
et je me mettrai au service de Dieu.
Vois Isaac ne désespère plus
ses ennemis s'en fuient devant Lui.
La bénédiction de Dieu viendra.
Oui le voici. Il apportera à mon deuil
le soulegement que je demandais,
sa droite me soutiendra
tous le jours et toutes le nuits.
Et déjà voici la délivrance.
CANTO DI LIBERAZIONE

Il mio cuore timidamente
intercede per un amico,
supplico Dio perché plachi il mio dolore,
sino a deporre la spada e la corazza
in uno slancio verso di Lui.
Giorno e notte pregherò
perché Egli rechi consolazione
al suo popolo.
Dimenticherò ogni affanno
e servirò Dio.
Isacco non disperare,
i nemici fuggono davanti a Lui.
Mi protegge validamente la benedizione di Dio.
Verrà l'inviato di Dio. Eccolo,
recherà sollievo al mio dolore,
la sua destra mi sosterrà
giorno e notte.
Verrà la liberazione.
BERCEUSE

Dors, dors, dors.
Ton papa ira au village
et rapportera une pomme
et caressera ta petite tête.
Dors, dors, dors.
Ton papa ira au village
et rapportera une noix
et caressera ton petit pied.
Dors, dors, dors.
Ton papa ira au village
et rapportera un canard
et caressera tes petites mains.
Dors, dors, dors.
Ton papa ira au village
et rapportera la soupe
et caressera ton petit ventre.
Dors, dors, dors.
NINNA - NANNA

Dormi, dormi, dormi.
Il tuo papà andrà nel villaggio,
raccoglierà una mela
e accarezzerà il tuo viso.
Dormi, dormi, dormi.
Il tuo papà andrà nel villaggio,
prenderà una noce
e accarezzerà il tuo piedino.
Dormi, dormi, dormi.
Il tuo papà andrà nel villaggio,
si farà dare un'anitra
e accarezzerà le tue manine.
Dormi, dormi, dormi.
Il tuo papà andrà nel villaggio
avrà la minestra
e carezzerà il tuo pancino.
Dormi, dormi, dormi.
GLOIRE À DIEU

Mon Dieu est ma force et ma tour,
Et moi je suis si pauvre!
Tout mon espoir en Dieu
Et toute ma confiance en toi mon Dieu,
Mon Dieu, Dieu Zebaoth.
Je suis brûlé à vif,
Transpercé par une flèche de feu
De mon Seigneur, de mon Dieu.
Il m'a percé le coeur
Et il a brûlé dans mon coeur
Mon arrogance et ma fierté;
Dieu Zebaoth!
CHANT ASSIDIQUE

Que te dirai je
et que te reconterai je
qui peut te dire et t'expliquer
ce que signifie un, deux, trois,
quatre, cinq, six, sept.
Sept, c'est le sabbat
et six le parts du Talmud
et cinq le parties de la Bible
et quatre les aïeux.
Et trois le patriarches
et deux les tables de la loi.
Et un c'est notre Dieu,
c'est notre Dieu unique,
il n'a pas son pareil
notre Dieu est un.
Un est notre dieu
et deux les tables de la loi
et trois les patriarches
et quatre les aïeux
et cinq les parties de la Bible
et six le parts du Talmud
et sept, c'est le sabbat.
Mais un c'est notre Dieu.
CANTO ASSIDIcO

Cosa posso dirti
per spiegarti cosa significa
uno, due, tre,
quattro, cinque, sei, sette.
Sette è il sabato,
sei sono i codici del Talmud,
cinque le parti della Bibbia
e quattro gli antenati.
Tre i patriarchi,
due le tavole della legge
e uno e unico è il nostro Dio
e non ha uguale,
il nostro Dio è unico.
Sì, uno è il nostro Dio,
due le tavole della legge,
tre i patriarchi,
quattro gli antenati,
cinque le parti della Bibbia,
sei i codici del Talmud.
Sette è il sabato,
ma Dio è uno e unico.

(1) Testi tratti dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia;
Roma, Auditorio di Via della Conciliazione, 16 novembre 1986

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 13 aprile 2017
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.