Glossario



Oiseaux, si tous les ans, K1 307 (K6 284d)

Aria in do maggiore per soprano e pianoforte

Musica:
Wolfgang Amadeus Mozart
Testo: Antoine Ferrand
Organico: soprano, pianoforte
Composizione: Mannheim, 8 novembre 1777

Guida all'ascolto (nota 1)

All'Arietta di genere appartiene la pagina su antiquati versi francesi che Mozart compose fra il 1777 il 1778 a Mannheim. Oiseaux, si tous les ans è una dolce meditazione naturalistica sugli uccelli che migrano non solo in cerca di più miti climi, ma anche dell'amore: l'idea del ritmo puntato, di per sé strettamente musicale, si trasforma nella coda in un'onomatopea del canto di volatili.

Giangiorgio Satragni

Testo

Oiseaux, si tous les ans

Oiseaux, si tous les ans
Vous changez de climats,
Dès que le triste hiver
Dépouille nos bocages;
Ce n'est pas seulement
Pour changer de feuillages,
Ni pour éviter nos frimats;
Mais votre destinée
Ne vous permet d'aimer,
Qu'à la saison des fleurs.
Et quand elle est passée,
Vous la cherchez ailleurs,
Afin d'aimer toute l'année.
O uccelli, se tutti gli anni

O uccelli, se tutti gli anni
Cambiate clima,
Non appena il triste inverno
Spoglia i nostri boschi;
Non è soltanto
Per cambiar fronde,
O per sfuggire alla brina dell'inverno;
Ma il vostro destino
Non vi permette di amare,
Che nella stagione dei fori.
E una volta trascorsa,
la cercate altrove,
per poter amare tutto l'anno.

(traduzione di Sara Lambiase)

(1) Testo tratto dal progrmma di sala del Concerto dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia,
Roma, Auditorium Parco della Musica, 16 maggio 2008

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 18 dicembre 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.