Glossario



Gopak

Lied per voce e pianoforte

Musica: Modest Musorgskij
Testo: L. A. Mej (da Hajdamakij di Sevcenko)
Organico: voce, pianoforte
Composizione: 1866
Edizione: Johannson, San Pietroburgo, 1867
Dedica: N. Rimskij-Korsakov

Orchestrata da Musorgskij nel 1868

Testo (nota 1)

Goy, gop, gop, gopak!
Ho amato un cosacco, ma è vecchio, rosso di capelli e storto.
E' il mio destino ora!
Un destino triste, ma tu vecchietto, vai a prerider l'acqua,
ed io vado nella taverna, prendo un bicchiere e dopo cin e cin...
Il primo bicchiere da sola, il secondo con un ragazzo.
Dopo mi butto nel ballo e dietro di me anche il giovane.
Il vecchio rosso mi chiama, ma io gli faccio un brutto gesto.
«Se ti sei sposato, demonio, abbi cura, di trovar pane».
Ecco così! Devi aver pietà per i figli, nutrirli e vestirli,
Ecco come!
Abbi cura, se no sarà peggio, perché ci penso io! Ascoltami!
Abbi cura, vecchio rosso svergognato! Vai al diavolo!
Solo, vecchio, non dimenticare di muovere la culla nella ninna nanna; così!
Quando ero giovane e bella, mettevo il grembiule sulla finestra,
e da lì salutavo, ricamando seta.
Goy, Semyou, Ivan, mettetevi il vestito bello
e venite a passeggiare con me,
dopo ci sediamo e cantiamo:
«Goy, gop, gop, gopak,
Ho amato un cosacco, vecchio, rosso, storto e scemo. Goy».


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia; Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 11 Dicembre 1981

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 15 ottobre 2011
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.