Glossario



Heimliche Aufforderung (Esortazione segreta), op. 27 n. 3

per voce e pianoforte

Musica:
Richard Strauss
Testo: John Henry Mackay
Organico: voce, pianoforte
Composizione: Weimar, 22 maggio 1894
Edizione: J. Aibl, Monaco, s. a.
Dedica: Pauline de Ahna

Testo (nota 1)

HEIMLICHE AUFFORDERUNG

ESORTAZIONE SEGRETA

Auf, hebe die funkelnde Schale empor zum Mund,
Und trinke beim Freudenmahle dein Herz gesund.
Und wenn du sie hebst, so winke mir heimlich zu,
Dann lächle ich und dann trinke ich still wie du...

Und still gleich mir betrachte um uns das Heer
Der trunknen Schwätzer - verachte sie nicht zu sehr.
Nein, hebe die blinkende Schale, gefüllt mit Wein,
Und lass beim lärmenden Mahle sie glücklich sein.

Doch hast du das Mahl genossen, den Durst gestillt,
Dann verlasse der lauten Genossen festfreudiges Bild,
Und wandle hinaus in den Garten zum Rosenstrauch,
Dort will ich dich dann erwarten nach altem Brauch,

Und will an die Brust dir sinken, eh du!s gehofft,
Und deine Küsse trinken, wie ehmals oft,
Und flechten in deine Haare der Rosen Pracht.
O komm, du wunderbare, ersehnte Nacht!
Orsù, accosta alle labbra la coppa sfavillante,
e brinda alla salute del cuore in questo banchetto di gioia.
E mentre l'accosti alle labbra fammi un cenno segreto,
sì che possa ridacchiare e bere poi serenamente come tu
[fai..

Ed altrettanto serenamente osserva attorno a noi
la schiera dei chiacchieroni ebbri - senza soffermarti
[troppo.
No, accosta la coppa sfavillante, colma di vino,
e lascia che apporti felicità al chiassoso banchetto.

Ora hai goduto abbastanza il banchetto, hai calmato la
[sete,
abbandona quindi l'ambiente tanto allegro dei rumorosi
[amici,
ed esci, vagando in giardino alla ricerca del cespuglio di
[rose,
là io ti attenderò secondo l'antica consuetudine,

per abbandonarmi al tuo petto, secondo il tuo desiderio,
e sorseggiare i tuoi bacì, come spesso un tempo,
e intrecciare nei tuoi capelli lo splendore delle rose.
Oh vieni, o notte meravigliosa e agognata!

(Traduzione di Paola Fontecedro)

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 30 maggio 1980

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 16 giugno 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.