Glossario



Seitdem dein Aug' in meines schaute (Da quando mi hai guardato negli occhi), op. 17 n. 1

Lied per voce e pianoforte

Musica:
Richard Strauss
Testo: Adolf Friedrich von Schack
Organico: voce, pianoforte
Composizione: 1886 - 1887
Edizione: D. Rahter, Lipsia, 1888

Testo (nota 1)

SEITDEM DEIN AUG' IN MEINES SCHAUTE

Seitdem dein Aug' in meines schaute
und Liebe, wie vom Himmel her,
aus ihm auf mich herniedertaute,
was böte mir die Erde mehr?

Ihr Bestes hat sie mir gegeben,
und von des Herzens stillem Glück
ward übervoll mein ganzes Leben
durch jenen einen Augenblick.
DA QUANDO MI HAI GUARDATO NEGLI OCCHI

Da quando mi'hai guardato negli occhi
e amore, giù dal cielo,
è calato su di me come rugiada,
che cosa più poteva offrirmi il mondo?

Il meglio me lo aveva dato,
e per quell'unico istante
tutta la mia vita era traboccante
della silenziosa felicità del cuore.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico, 11 maggio 1988

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 26 giugno 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.