Glossario



Amor che deggio far?, SV 144

Canzonetta a quattro voci, concertata da due violini, chitarrone o spinetta

Musica:
Claudio Monteverdi
Testo: autore ignoto
Organico: soprano, contralto, tenore, basso, 2 violini, chitarrone o spinetta
Edizione: in Il Settimo Libro de Madrigali, Bartolomeo Magni, Venezia, 1619
Dedica: Caterina de’ Medici, duchessa di Mantova e Monferrato

Testo (nota 1)

Amor che deggio far se non mi giova
Amar con pura fede?
Servir non vo' così piangendo
Notte e dì per chi noi crede.
E non si può veder l'amoroso pensier
Da l'occhio umano,
Dunque un fido amator dovrà nel suo dolor
Languir invano.
Intesi pur talhor che nella fronte il cor
Si porta scritto,
Hor come a me non vai scoprir l'interno mal
Nel volto afflitto?
Ingiustissimo Re, perché la vera fé
Nota non fai?
Perché lasci perir voci, sguardi e sospir
Se'l vedi e'l sai?

(Settimo Libro de Madrigali)


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia,
Roma, Sala Accademica di via dei Grci, 10 marzo 1967

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 18 dicembre 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.