Glossario



Perché te'n fuggi o Fillide, SV 164

a tre voci

Musica:
Claudio Monteverdi
Testo: autore ignoto
Organico: contralto, tenore, basso, basso continuo
Edizione: in Madrigali guerrieri et amorosi, Ottavo Libro de Madrigali, Alessandro Vincenti, Venezia, 1638
Dedica: Alla Sacra Cesarea Maestà dell'Imperator Ferdinando III

Testo (nota 1)

Perché te 'n fuggi o Fillide
a tre voci

Perché te 'n fuggi o Fillide?
Ohimè deh Filli ascoltami
e quei begli occhi voltami,
già belva non son io nè serpe squallido,
Aminta io son se ben son magro e pallido.
Queste mie calde lagrime
che da quest'occhi ognor si veggon piovere
han forza di commuovere
ogni più duro cor spietato e rigido
ma 'l tuo non già ch'è più d'un ghiaccio frigido.
Mentre spargendo indarno a l'aura pianti e
lamenti indarno il cor distruggesi.
Filli più ratta fuggesi,
nè i sospir che dal cor sì dolenti escono
nè voci o prieghi i pie fugaci arrestano.

(Ottavo Libro de Madrigali)


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Palazzo Farnese, 12 maggio 2006

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 20 novembre 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.