Glossario



Spontava il dì quando la rosa, SV 255

Canzonetta morale a tre voci

Musica:
Claudio Monteverdi
Testo: Angelo Grillo
Organico: contralto, tenore, basso, basso continuo
Edizione: Bartolomeo Magni, Venezia, 1640 in Selva Morale e Spirituale
Dedica:  imperatrice Eleonora Gonzaga

Guida all'ascolto (nota 1)

Un gruppo di cinque madrigali spirituali, su testo genericamente morale ma non liturgico, è posto da Monteverdi in apertura della Selva morale, con la funzione di un proemio. Sono composizioni nello stile moderno più avanzato, che prediligono la declamazione rapida, la sillabazione su note ripetute caratteristica dello stile madrigalistico profano, piuttosto che il classico andamento polifonico in valori distesi.

Spontava il dì, «canzonetta morale» a tre voci, presenta il testo poetico e musicale diviso in cinque parti, chiuse ciascuna da un refrain comune. Le prime quattro stanze sono realizzate in polifonia con andamento sillabico, con imitazioni elementari, con una condotta melodica quanto mai semplice: seguono, insomma, i dettami dello stile «popolaresco». La quinta stanza, invece, è realizzata monodicamente: è infatti un patetico «lamento» del basso solo, che - indugiando in cromatismi caratteristici - declama in uno stile prettamente teatrale.

Claudio Toscani

Testo

Spontava il dì
quando la Rosa
sovra una piaggia herbosa
in ossequio de l'alba un riso aprì;
e rise il prato
tutto odorato,
e i Colli e le Campagne innamorò.
Ma che prò?
Chi da l'ira del ciel mai l'assicura?
Cosa bella quaggiù passa e non dura.

La più dolce rugiada
che dal ciel cada
lei di liquide perle incoronò;
poi la bella reina
de la sua spina
se stessa cinse, e la sua reggia ornò.
Ma che prò?
Chi da l'ira del ciel mai l'assicura?
Cosa bella quaggiù passa e non dura.

La vagheggiano gli alberi [allori],
la vezzeggiano l'aurette,
le s'inchinano i bei fiori
e l'adornano l'herbette:
fior più bello non riga o l'Arno o 'l Po.
Ma che prò?
Chi da l'ira del ciel mai l'assicura?
Cosa bella quaggiù passa e non dura.

Per valletta o per campagna
il pié molle affretta il rio
e con dolce mormorio
la saluta e 'l pie le bagna,
riverente quanto può.
Ma che prò?
Chi da l'ira del ciel mai l'assicura?
Cosa bella quaggiù passa e non dura.

Ahi, quel sole che dianzi in su l'Aurora
la diede ai Colli e ne dipinse i Campi,
rotando accesi in sul meriggio i lampi
la distrugge, la scolora,
restando ignude e senz'honor le spine:
e vanno insieme i doni e le rapine.
Oh d'humana bellezza
cui tutt'il mondo apprezza,
cui tant'Amor per poco spatio ornò
rosa caduca, il superbir che prò?
Chi dall'ira del ciel mai l'assicura?
Cosa bella quaggiù passa e non dura.


(1) Testo tratto dal libretto inserito nel CD allegato al numero speciale AMS 009-10 della rivista Amadeus

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 12 febbraio 2017
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.