Glossario



Andante solenne sul "Te Deum laudamus", op. 21a [28d]

Versione per grande orchestra

Musica:
Giovanni Sgambati
Organico: 2 flauti, 2 oboi, corno inglese, 2 clarinetti, 2 fagotti, 4 corni, 2 trombe, 3 tromboni, basso tuba, timpani, archi
Composizione: 1890
Edizione: inedito

Guida all'ascolto (nota 1)

Questo Andante solenne sul popolare tema dell'Inno Ambrosiano, svolto ampiamente e accompagnato da un pizzicato ostinato dei bassi, fu originariamente composto da Sgambati per archi e armonium: poi egli stesso lo ha trascritto per altri complessi strumentali e nella forma in cui oggi si eseguisce, cioè per grande orchestra ed organo.

In esso la nobiltà e distinzione di ispirazione melodica di Sgambati si ritrova innestata e compenetrata, con perfetta fusione e con felice risultato dì espressione artistica, con l'austerità del canto liturgico. La bella melodia, presentata dapprima dolcemente e sommessamente, si eleva a poco a poco fino a raggiungere il massimo di solennità e di vigore, sostenuta dagli accordi maestosi dell'organo e dall'incedere compassato dei bassi.

Alessandro Vessella presentò per primo questo pezzo al pubblico romano nei concerti popolari all'Argentina: all'Augusteo lo diresse una volta nell'occasione di una commemorazione lo stesso autore. Esso viene spesso eseguito, e sempre con vivo successo, dalle principali orchestre dì concerto italiane e straniere.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Sala Augusteo, 19 febbraio 1916

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 18 settembre 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.